NEWS&PRESS

Brexit: scenari possibili e impatti doganali e fiscali sulla supply chain

6 marzo 2019, ore 15.00, presso sede Confindustria Marche Nord, Ancona



UMBERTO MARTELLI



DATA DI PUBBLICAZIONE
Mercoledi 30 Gennaio 2019, ore 10:03


PAROLE CHIAVE
Notizie Tecniche, Internazionalizzazione, Markexport


ALLEGATI
Brexit6marzo.pdf (342.9KB)


STAMPA
Versione stampabile

A poco più di due mesi dalla data ufficiale del ritiro del Regno Unito dalla UE, la situazione è tutt’altro che definita.

La sonora bocciatura da parte del Parlamento britannico, il 15 gennaio scorso, dell’accordo con la UE proposto dal governo di Theresa May e le difficoltà di trovare un’intesa politica sia con il principale partito di opposizione sia all’interno dello stesso partito conservatore tra i brexiteers più duri e quelli che invece sarebbero disponibili ad accettare le garanzie della May e della UE su un backstop come misura solo eventuale e comunque temporanea, agitano lo spettro del no deal.

Mentre la politica discute le varie opzioni possibili, le imprese sono costrette a prendere decisioni concrete per tutelare il proprio business.

Per fare il punto della situazione e cercare di capire, sulla base dei documenti ad oggi disponibili, verso quale modello potrebbe evolvere il rapporto UE-UK e quali possibili scenari si aprirebbero sotto il profilo dell’applicazione dei dazi, della gestione dell’origine e delle problematiche di fiscalità indiretta, Confindustria Marche Nord Territoriale di Ancona organizza un incontro il giorno 6 marzo 2019, alle ore 15.00, presso la sede di Via Roberto Bianchi ad Ancona.

Interverranno Roberto Luongo, Direttore Generale dell’ICE – Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane e Pier Paolo Ghetti, Global Trade Advisory EMEA, Deloitte.

In allegato trasmettiamo il programma dell’incontro.

Per registrarsi cliccare qui